Archivio mensile:settembre 2012

  1. Suicidi di Stato

    3

    30 settembre 2012 di Il Komboloi

    I veri sprechi dello Stato italiano e le conseguenze delle politiche di Austerità. In Italia i suicidi conseguenti alla crisi …
    Continua a leggere

  2. Diaz, la sconfitta della democrazia

    4

    29 settembre 2012 di Il Komboloi

    Nessuno paga per la Diaz. Domenica 22 aprile, cinema Tibur, quartiere di San Lorenzo, Roma. Gli spettacoli delle 20.15 prevedono …
    Continua a leggere

  3. Come hanno ucciso Francesco Mastrogiovanni

    1

    28 settembre 2012 di Il Komboloi

    Come hanno ucciso Francesco Mastrogiovanni

    Le sconvolgenti scene della morte di Francesco Mastrogiovanni, ricoverato per un TSO in ospedale.

    Morirà dopo oltre 3 giorni legato al suo letto.

  4. Il caso Giuseppe Uva

    5

    28 settembre 2012 di Il Komboloi

    “ Uva, proprio te cercavo stanotte, vedrai che te la faccio pagare”. Queste le parole pronunciate dal carabiniere Dal Bosco …
    Continua a leggere

  5. Uso contenuti

    Lascia un commento

    28 settembre 2012 di Il Komboloi

     Le notizie e le immagini inserite in questo sito sono di mia produzione, e sono quindi distribuite con la licenza …
    Continua a leggere

  6. Infiltrati

    Lascia un commento

    26 settembre 2012 di Il Komboloi

    Infiltrati  Articolo del blog “jacob foggia” “…la parola compagno non so chi te l’ha data, ma in fondo ti sta …
    Continua a leggere

  7. Politica e corruzione

    Lascia un commento

    25 settembre 2012 di Il Komboloi

    Articolo di Deaglio su tangentopoli

    “ Buona parte del finanziamento politico è irregolare od illegale.

    Non credo che ci sia nessuno in quest’aula, responsabile politico di organizzazioni importanti, che possa alzarsi e pronunciare un giuramento in senso contrario a quanto affermo: presto o tardi i fatti si incaricherebbero di dichiararlo spergiuro.”

    Questa è una parte del discorso tenuto da Bettino Craxi il 3 luglio 1992 in Parlamento  dopo lo scandalo Tangentopoli.

    Corruzione, peculato, concussione, associazione a delinquere, finanziamento illecito e chi più ne ha più ne metta.

    Sono soltanto alcuni dei reati che hanno visto e vedono coinvolti la nostra, cosiddetta, classe dirigente.

    I vari Belsito, Lusi, Formigoni, Fiorito, ecc. in pochi mesi entreranno nel dimenticatoio dei più, così come è accaduto per Dell’utri, Mastella e consorte, ecc.

    Oggi è il turno di Fiorito; mentre viene inquisito  i “compagni di merenda” dichiarano che si tratta solo di una mela marcia: “Mai più deve succedere un episodio del genere” .

    Questa pantomima serve a ridurre la questione ad un semplice problema morale, dando l’occasione a tutti gli altri di presentarsi come quelli onesti.

    Tutti compatti a puntare il dito contro la pecora nera di turno.

    Il problema reale non è rappresentato solo dai singoli soggetti ma da un sistema politico marcio, da una politica che ha perso la sua definizione di cosa pubblica; è la concezione di fare politica  che è cambiata ( non da ora, “sistema Craxi” docet), ora viene intesa come accentramento di potere nelle mani di pochi per il raggiungimento di un proprio interesse economico.

    Molte volte si è cercata giustificazione affermando che è consuetudine rubare; “lo fanno tutti i partiti”, come a voler giustificare un comportamento diventato prassi in un determinato ambiente, senza immaginare che invece si tratta di cleptocrazia (governo di ladri).

    Le responsabilità sono molteplici, oltre a quelle politiche ci sono quelle dei media che tante volte “addormentano” lo spettatore.

    Ad esempio, Enrico Deaglio conclude (PURTROPPO) così lo stupendo racconto pubblicato su “Repubblica” sezione inchieste: “E pazienza se la corruzione e la mafia sono più forti di venti anni fa”.

    In tutto ciò i cittadini rimangono inermi e dormienti, ormai si subisce tutto ciò che accade senza avere alcuna reazione, senza pensieri per poter reagire.

    L’ emblema è rappresentato dal comportamento della gente che scende in piazza a stappare bottiglie se cade un Governo(vedi caduta del Governo Berlusconi) ma non a pretendere dallo stesso la buona amministrazione (spaccandole, le bottiglie, se necessario per farsi sentire).

    Non sarà che anche noi cittadini abbiamo delle grosse responsabilità?

     

  8. Polverini si dimette

    Lascia un commento

    24 settembre 2012 di Il Komboloi

    Polverini si dimette

    Il 10 maggi 2011 il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, proferiva queste parole a chi contestava la sua giunta e il suo modo di amministrare.

    Oggi, a distanza di un anno e 4 mesi si è dimessa per lo scandalo Fiorito. 

  9. Se lo Stato è fuorilegge

    3

    24 settembre 2012 di Il Komboloi

    Carcere, penitenziario, galera, istituto di pena, casa circondariale. Cosa è diventato il carcere per Ascanio Celestini. Ascanio celestini: “i morti …
    Continua a leggere

  10. Cosa c’entra Melina Mercouri con “Il Komboloi”?

    Lascia un commento

    23 settembre 2012 di Il Komboloi

    Nelle info di questo blog spiego il significato di “Il Komboloi” e cito Melina Mercouri. Melina Mercouri o Maria Amalia …
    Continua a leggere