Chiudere Guantanamo, la promessa mancata di Obama

Lascia un commento

14 gennaio 2013 di Il Komboloi

Dopo il suo primo insediamento, nel gennaio 2009, il presidente aveva promesso di risolvere la questione dei detenuti di Guantànamo e di chiudere il centro di detenzione entro un anno. Ma non l’ha fatto.

L’11 gennaio di undici anni fa, entravano a Guantánamo i primi detenuti della “guerra al terrore”. Complessivamente, nel centro di detenzione statunitense in territorio cubano, di sospetti terroristi ne sono entrati 779: 591 sono stati rilasciati e trasferiti in altri paesi, nove sono morti (di cui sette per suicidio), sette sono stati condannati e sei sotto processo. 1326102029-shackles-and-protest-at-london-guantanamo-rally-10-years-on_994263

Dal punto di vista giudiziario, i numeri dicono che il bilancio è magro. I sette detenuti sono stati condannati dalle commissioni militari, organismi le cui procedure non sono in linea con gli standard internazionali sui processi equi. Cinque di loro hanno sottoscritto accordi preprocessuali sulla base dei quali hanno ammesso la colpevolezza in cambio di sconti di pena o della possibilità di essere rilasciati.

Sei detenuti sono attualmente sotto processo per l’accusa di aver preso parte agli attacchi dell’11 settembre 2001 e rischiano di essere condannati a morte dalle commissioni militari. I sei imputati sono stati sottoposti a sparizione forzata prima del trasferimento a Guantánamo. Due di loro hanno subito la tortura del “waterboarding” (semi-annegamento).

Tecnica del Waterboarding

Tecnica del Waterboarding

Dove questi imputati siano stati tenuti in custodia della Cia e quali trattamenti siano stati loro inflitti sono informazioni classificate al livello più alto di segretezza: lo scorso dicembre, il giudice militare che presiede il processo per gli attacchi dell’11 settembre 2001 ha firmato un ordine di protezione per impedire la divulgazione di tali informazioni, adducendo motivi di sicurezza nazionale.

Dal punto di vista delle ferite inferte al diritto internazionale, invece, Guantánamo ha lasciato un segno pesante. È stato il simbolo della “guerra al terrore”, di un paradigma basato sul contrasto al terrorismo attraverso le violazioni dei diritti umani, come le sparizioni forzate, le detenzioni illegali e le torture. È stato, spesso, il luogo di atterraggio dei voli delle rendition.

Ma più che il passato prossimo, dobbiamo usare il tempo presente. Perché, sebbene progressivamente svuotato di persone che dopo anni di detenzione senza accusa né processo sono state rimandate a casa,Guantánamo è ancora aperto e ospita 166 detenuti.

detenuti di Guantanamo

detenuti di Guantanamo

Dopo il suo primo insediamento, nel gennaio 2009, il presidente Obama aveva promesso di risolvere la questione dei detenuti di Guantánamo e di chiudere il centro di detenzione entro un anno. Aveva anche ordinato la fine dell’uso delle tecniche “rinforzate” d’interrogatorio da parte della Cia e la chiusura dei cosiddetti “siti neri“, centri segreti di detenzione diretti dall’intelligence statunitense.

Tuttavia, il presidente Obama ha adottato il paradigma, unilaterale e viziato, della “guerra globale” del suo predecessore, accettandone la conseguenza delle detenzioni a tempo indeterminato.

Nel 2010, inoltre, l’amministrazione Usa ha annunciato che 48 detenuti di Guantánamo non avrebbero potuto essere né processati né rilasciati ma dovevano rimanere in detenzione militare senza limiti di tempo, senza accusa né processo. Ha anche sospeso i rimpatri dei detenuti yemeniti, trattenendo a Guantánamo 30 di essi, a causa di preoccupazioni legate alle “condizioni di sicurezza” nel paese mediorientale.

Il presidente Obama ha attribuito la mancata chiusura di Guantánamo al Congresso, ma questo pare più uno scaricabarile. Poco più di una settimana fa, il 2 gennaio, il presidente Obama ha nondimeno firmato l’Atto di autorizzazione alla difesa nazionale, pur criticandone alcuni aspetti, che di nuovo pone ostacoli alla soluzione del problema di Guantánamo.

manifestazione di protesta davanti la Casa Bianca

manifestazione di protesta davanti la Casa Bianca

I tre settori del governo statunitense hanno di fatto ampiamente condiviso il modello della “guerra globale”. La protezione concessa ai suoi funzionari tramite l’immunità e il continuo ricorso al segreto di stato hanno facilitato la mancata assunzione di responsabilità e l’assenza di riparazioni per le violazioni dei diritti umani commesse a Guantánamo, e altrove (e non bastano certamente i risarcimenti per le torture inflitte dai contractors ad Abu Ghraib), nei centri segreti di detenzione della Cia, nei programmi di rendition.

Paradossalmente, se oggi chiudesse Guantánamo, le detenzioni illegali probabilmente proseguirebbero, magari in altre parti del mondo meno sotto gli occhi dei riflettori dei media, compresi quelli statunitensi.

Amnesty International ha chiesto al presidente Obama di riprendere in 051004guantanamo3considerazione la promessa, fatta ormai quattro anni fa, di chiudere il centro di detenzione e, questa volta, di impegnarsi ad abbandonare le commissioni militari in favore di processi equi in tribunali ordinari e civili, rilasciare i detenuti che gli Usa non hanno intenzione di processare, accertare pienamente le responsabilità e fornire accesso a forme di rimedio giudiziario per tutte le violazioni dei diritti umani.

Dal Blog di Riccardo Noury

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: